Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Cake alle pesche ed amaretti

L'altro giorno mi sono trovata a fare una considerazione su quanto poco in realtà ci siamo evoluti nel non categorizzare e generalizzare. Faccio una lunga premessa.  Provengo da una famiglia che si è sempre definita anarchico-borghese, in realtà borghese al 100%.  Mio padre era per certi versi un alternativo, ma per altri legato al proprio status fin nelle midolla. Per noi figli non ci sono mai state alternative: o l'università o niente. Ma anche sulla scelta della facoltà non è che fossimo liberissimi. Dopo la maturità decisi di iscrivermi a medicina. Per lui non era proprio cosa da femmine e fece di tutto per farmi smettere, il risultato lo ottenne definitivamente quando decise di farmi passare l'estate del primo anno in sala operatoria con lui a vedere cancri alle mammelle e al colon....che diciamocela: non sono proprio il massimo. Entravo in sala operatoria e tempo 10 minuti ne dovevo uscire. Abbandonai medicina e mi iscrissi a lettere: facoltà da donna, che però non …

Ultimi post

Polpo rolls

Budini di riso

Pasta e patate al forno

Pesce al forno in crosta di sale per il Calendario del Cibo Italiano

Peschine dolci romagnole

Pasta al nero di seppia con scampi e lupini

Marmellata di arance metodo Patty

Tutto Grasso che Cola

Zeppole di San Giuseppe

Maritozzi con la panna